Articoli

Chi sono i vagabondi e perché vengono chiamati così?


Gli artisti di Peredvizhniki hanno dato un enorme contributo allo sviluppo dell'arte russa e mondiale, creando una scala estetica completamente nuova e ampliando la trama del cavalletto. Sperimentando audacemente in tecnologia e composizione, questi creatori della nuova formazione si sono rivolti ai problemi sociali, trasmettendo il loro punto di vista e l'umore della società attraverso l'arte. Gran parte degli Errori si trova nel corso del lavoro artistico ed educativo.
Ma perché questi pittori hanno chiamato "Wanderers" e dove si sono trasferiti? Proviamo a capirlo.

Dalla ribellione al viaggio


La storia dei Wanderers o dell'Associazione delle Mostre itineranti è iniziata con un'audace ribellione, il 9 novembre 1863. 14 tra gli studenti più importanti dell'Accademia Imperiale delle Arti si sono rifiutati di partecipare al concorso per una grande medaglia d'oro, che prevedeva il viaggio di un pensionato in Europa. I pittori non volevano svolgere l'incarico per la trama proposta (Festa in Valhalla), esigendo libertà creativa nella scelta di un tema, in accordo con "le inclinazioni personali dell'artista".

14 ribelli


Tutti e 14 i pittori hanno lasciato l'Accademia, creando per la prima volta nella storia della Russia una società artistica indipendente: l'Artel of Artists di San Pietroburgo. Nel 1870, Artel fu ribattezzata Associazione delle Mostre itineranti. Lo scopo della nuova associazione ha visto l'organizzazione di mostre itineranti itineranti che potevano viaggiare nelle province della Russia, facendo conoscere ai residenti l'arte.

Principi e obiettivi


Ha diretto la partnership I. Kramskoy, insieme ad altri membri dell'associazione, ha preparato una carta, che è stata approvata dal Ministro degli Interni A. Timashev. Secondo lo statuto, gli obiettivi dei Wanderers (come cominciarono a chiamarsi semplicemente in brevissimo tempo) erano buoni, mirati a beneficio della società e a se stessi:
  • organizzare mostre in tutta la Russia, compresa la conoscenza dell'arte della provincia;
  • sviluppare un amore per l'arte e il gusto estetico delle persone;
  • rendere facile per gli artisti vendere i loro dipinti.

La democrazia ha regnato nella struttura e nella regola del partenariato - tutte le domande sono state risolte attraverso il voto all'assemblea generale di tutti i membri. La carta nel suo immutato esisteva da 18 anni. Tutti gli imminenti emendamenti alla carta miravano a restringere i principi democratici.
La direzione principale era il realismo, e per molti aspetti questo realismo era accusatorio e drammatizzato. Gli autori nelle loro opere cercavano di sollevare problemi sociali acuti - disuguaglianza di classe, ingiustizia, povertà, ecc.
In definitiva, la libertà, una volta proclamata da 14 ribelli, lentamente ha cominciato a scomparire di nuovo - non tutti volevano urlare dei problemi. Il partenariato non ha accolto con favore coloro che amavano l'impressionismo europeo, le trame leggere o coloro che volevano conquistare il pubblico straniero offrendo le loro opere a concorsi o mostre all'estero. Basti ricordare la reazione negativa dei Viandanti all'opera di I. Repin "Che tipo di spazio" o sui dipinti di K. Makovsky, scritti per i salotti stranieri.
Un tempo, i ranghi dei Viandanti erano: I. Kramskoy, I. Repin, K. Makovsky, N. Bogdanov-Belsky, A. Arkhipov, V. Serov, V. Vasnetsov, I. Levitan, V. Polenov, A. Kuindzhi, A. Savrasov, I. Shishkin e molti altri.
Qualcuno ha lasciato i ranghi dell'associazione piuttosto rapidamente, come Makovsky, scegliendo altri punti di riferimento per se stesso, qualcuno ha dedicato tutta la sua vita alla Partnership, come Kramskoy.
Nel corso degli anni della sua esistenza, un'associazione artistica indipendente ha organizzato 47 mostre. Oltre alle mostre principali, c'era sempre l'organizzazione di mostre parallele per le città che non potevano entrare nella lista principale. Quindi, la geografia coperta dai Viandanti era più che impressionante.
Passando da una città all'altra, queste esibizioni portavano la cultura nelle masse nel senso più diretto del termine, che influiva sull'educazione della società, un potente impulso allo sviluppo del mecenatismo, e spesso diventava anche una piattaforma per l'educazione di nuovi creatori-pittori che portarono l'arte russa a alto livello.

Загрузка...